Come recarsi in India in aereo, in nave o in automobile.

Citta turistiche
   Alsazia
   Amsterdam
   Bali
   Budapest
   Cipro
   Hong Kong
   India
   Londra
   Malaysia
   Nepal
   Pechino
   Roma

Parchi
   Parchi Nazionali

Feste
   Palii e Giostre



 



Come recarsi in India in aereo, in nave o in automobile.



In aereo. I collegamenti aerei fra Italia e India si avvalgono di parecchie compagnie; parecchi voli di linea settimanali sono assicurati dall'Alitalia e dall'Air India. Alitalia propone voli diretti RomaBombay ogni martedì e venerdì in tarda serata con partenza da Fiumicino. Air India propone voli da Roma, diretti a Delhi, con proseguimento per Bombay, ogni mercoledì, sabato, domenica. Il volo di domenica per Delhi ha coincidenza con volo della stessa compagnia diretto a Madras. Gli altri voli trovano coincidenza a Bombay con voli della Indian Airlines. Lufthansa propone voli diretti o via Francoforte. Altre compagnie fanno scalo, con cambio d'aereo, nel golfo Persico (Pan Am, Royal Jordanian ecc.). Le tariffe ufficiali sono alte, tuttavia anche se in teoria non esistono charters per l'India, in realtà presso gli operatori del settore si possono ottenere «tariffe preferenziali» su numerosi voli regolari. Una volta arrivati a Bombay o a Delhi, si dovranno, generalmente, utilizzare aerei delle linee interne, che sono numerosi, specie in direzione Madras. Appena arrivati in India, è opportuno riconfermare il volo di ritorno; comunque la riconferma va fatta almeno 72 ore prima della data prevista. Al momento di lasciare l'India (da Bombay o da Delhi) ogni passeggero pagherà una tassa aeroportuale di 300 rupie. Anche da Madras per lo Sri Lanka è in vigore una tassa aeroportuale (inferiore alla precedente). Da Colombo (Sri Lanka) o da Male (Maldive) si possono effettuare voli per l'India del sud con una riduzione del 30% (vedi rubrica: Trasporti interni).

In nave.Esistono ancora rarissime possibilità di effettuare un viaggio in India su nave; ma non più sui piroscafi di un tempo, bensì su navi mercantili miste, che ogni mese partono da Marsiglia per Bombay via Gibuti e Karachi. Da Bombay le navi proseguono la rotta fino a Colombo e a Giacarta. Il viaggio, percorrendo il canale di Suez, dura circa 15 giorni: è un'avventura che indubbiamente vale la pena di essere vissuta; ma ogni nave non può trasportare che dai quattro ai sei passeggeri.

In automobile. Più di 9000 km di strade. dall'Italia all'India del sud! Questo tipo di viaggio non è uno scherzo, e richiede una buona organizzazione; è comunque un'esperienza unica: non c'è paragone tra il piacere che si avrà nel conoscere l'India dopo parecchie settimane di viaggio, e quello di arrivarvi catapultati dal cielo dopo solo 10 ore di volo. In nave dallo Sri Lanka Un battello compie la traversata da Talaimannar a Rameshwaram tre volte alla settimana (martedì, giovedì e sabato).

Formalità d'entrata. Per entrare in India bisogna essere provvisti di passaporto e, in modo imperativo, di un visto rilasciato dalle autorità indiane. Il passaporto deve avere validità per i sei mesi successivi alla data di partenza. Il visto è concesso dall'ambasciata dell'India e, m talune regioni, dal consolato (vedi: Indirizzi utili). Il visto turistico è valido tre mesi e può essere usato in parecchi (almeno tre) valichi di frontiera; dev'essere utilizzato nei sei mesi successivi al rilascio. In casi particolari, una volta entrati in India, si può ottenere di prolungare il visto per altri tre mesi (ma per motivi documentabili, e rivolgendosi a un apposito ufficio). Per ottenere il visto in Italia si devono pagare L. 12.000 di tassa presso il consolato generale o l'ambasciata e accludere tre foto formato tessera. Per le isole Laccadive bisogna chiedere un permesso di visita a Cochin, in India; per le isole Andamanc si può ottenere già in Italia il permesso per una settimana dì soggiorno; se si vuole prolungare il soggiorno di altre due settimane, la richiesta andrà fatta sul luogo, a Port Blair.

Formalità sanitarie. Attualmente non viene richiesta alcuna vaccinazione ai viaggiatori provenienti dall'Europa. È bene comunque aver fatto le vaccinazioni contro il tetano e la poliomielite.

Indirizzi utili. Ambasciata dell'India: Roma, via 20 Settembre 5, tel. 464 642. Consolato generale dell'India: Milano, via Larga 16, tel. 869 03 14; 805 76 91. Rilascia visti per la Lombardia. Air India: Roma, via Barberini 50, tei. 473 941. Air India: Milano, via Stampa 15, tel. 871 697; 805 09 56. Ufficio turismo indiano: Milano, via Aibricci 9, tei. 805 35 06; 804 952.